Token ERC-20: Come Funzionano e Cosa Sono?

La piattaforma Ethereum ospita la quasi totalità delle ICO che vengono quotate.

Queste quote, che in genere vengono vendute per BTC o per ETH, hanno la peculiarità di essere rilasciate sotto forma di protocolli: i token.

Il nome esatto è token ERC-20 che sta per Ethereum Request Comment 20. Nonostante i token siano ormai noti e diffusi a livello mondiale, non tutti sanno cosa sono e a cosa servono.

Vediamo insieme tutto ciò che è importante sapere sui token ERC-20!

Token ERC-20: cosa sono e a cosa servono

Il mondo dei token si sta velocemente ampliando ma, se non sei un esperto del settore, potresti non conoscerli e non sapere per cosa vengono utilizzati.

In questo articolo analizziamo insieme tutti i dettagli relativi ai token ERC-20.

Cosa significa ERC-20

Come già detto, la sigla ERC è l’acronimo di Ethereum Request Comment e comprende una serie di documenti specifici e tecnici che riguardano la programmazione utilizzata su Ethereum.

Gli ERC hanno lo scopo di migliorare i rapporti tra i contratti e le applicazioni, non di implementare i protocolli come invece fanno gli EIP (Ethereum Improvement Proposal).

Gli ERC sono stati inventati da Fabian Vogelsteller e Vitalik Buterin nel 2015 per migliorare il sistema dei token su Ethereum e, soprattutto, di semplificarlo.

Grazie a questo nuovo sistema, infatti, è possibile mantenere delle basi riutilizzabili per più progetti senza dover ogni volta ripartire dall’inizio.

I token ERC-20, dopo essere stati creati, operano con software e servizi come exchange, hardware wallet e software wallet.

Naturalmente, i software in questione devono supportare i protocolli ERC-20 per poter operare con essi.

Token ERC-20: come nascono

Per rispettare lo standard ERC-20, è indispensabile che un contratto includa sei funzioni:

  • balanceOf
  • transferFrom
  • totalSupply
  • allowance
  • transfer
  • approve

Oltre a queste, puoi anche aggiungere delle funzioni secondarie come decimal, name e symbol. Ricorda che il linguaggio su cui si basa Ethereum è Solidity.

Token ERC-20: a cosa servono

Dopo aver inserito tutte le funzioni obbligatorie all’interno di un contratto, si ottiene un contratto ERC-20.

Puoi utilizzarlo per trasferire fondi, controllare i saldi e anche per dare o togliere permessi ad altre app adibite alla gestione dei token.

Il vantaggio dei token ERC-20 è che sono estremamente flessibili: non ci sono limiti allo sviluppo dei contratti, quindi puoi aggiungere altre funzionalità per renderli più adatti alle tue esigenze!

Tipologie di token ERC-20

Vediamo insieme le tre principali tipologie di token che seguono il protocollo ERC-20 su Ethereum

Cosa sono gli utility token

Gli utility token sono attualmente il tipo di token più diffuso e conosciuto.

A differenza delle altre tipologie di token, gli utility token presentano una funzione ma nessun valore esterno, esattamente con i programmi frequent-flyer.

Per cosa si possono utilizzare? Si prestano a numerose funzioni, per esempio puoi usarli come valuta di gioco o come punti fedeltà.

Cosa sono le stablecoin

Le stablecoin, come dice il nome, sono delle valute stabili, in particolare sono dei token associati in modo fisso a delle valute fiat. Molto spesso le stablecoin usano lo standard ERC-20.

Come funzionano? Ad ogni stablecoin è associata una riserva in dollari o in euro.

Questo significa che l’emittente ha la possibilità di creare token per ogni dollaro o ogni euro bloccato in cassaforte e successivamente rimborsarli nella loro valuta originaria.

Le stablecoin sono quindi un tipo di moneta fiat e possono essere utilizzate in forma di token e, in seguito, riscattate in dollari o euro.

Per cosa possono essere utilizzate? Puoi usare le stablecoin per utilizzare dei servizi o comprare dei beni, altrimenti puoi scambiarli con fiat.

In questo ultimo caso, i tuoi token verranno resi inutilizzabili e verranno convertiti nell’equivalente fiat.

Come già detto, i contratti su Ethereum sono molto semplici e immediati da realizzare, ma richiedono ugualmente tempo per poter essere avviati perché devono essere conformi alle normative e devono tenere conto di una lunga serie di fattori esterni.

Cosa sono i security token

A livello di protocollo e di contratto, i security token sono del tutto identici alle stablecoin e funzionano sfruttando gli stessi meccanismi, l’unica differenza sta nell’emittente.

I security token, infatti, in genere rappresentano una forma di partecipazione e identificano titoli azionari, asset fisici, strumenti finanziari e obbligazioni.

Differenze: ERC-20, ERC-721, ERC-1155, ERC-223

ERC-20 non è l’unico standard per token su Ethereum ma è il primo che è stato realizzato.

Nel corso degli anni sono stati creati altri protocolli con lo scopo di migliorare ERC-20 oppure con l’intenzione di ottenere altri obiettivi, per esempio se hai intenzione di tokenizzare un dipinto o un oggetto legato all’arte, è consigliabile utilizzare standard diversi da ERC-20.

ERC-721 è uno standard che è stato utilizzato per l’app CryptoKitties ed è un contratto ideale per la gestione dei metadati e per creare token non fruibili.

ERC-1155 rappresenta un upgrade di ERC-20 e di ERC-721. Questo standard permette di inserire sia token fungibili sia non fungibili all’interno dello stesso protocollo.

ERC-621 include alcune funzioni opzionali adatte per gestire al meglio la fornitura di token.

ERC-223, come ERC-621, è stato pensato per implementare l’usabilità, ma, invece di migliorare la gestione dei token, questo standard mira a potenziare le misure di sicurezza (come consigliamo noi di Come Guadagnare).

Tutto ciò che devi sapere sui token Ethereum

Una cosa molto importante che devi ricordare è che i token ERC-20 non sono depositati sugli account come invece accade per ETH che è la criptovaluta di Ethereum.

I token, infatti, esistono solo all’interno di database indipendenti definiti da particolari standard. Il contratto, in particolare, associa i token agli indirizzi Ethereum degli utenti facilitandone l’usabilità.

Come trasferire i token

Se desideri spostare i token non devi fare altro che inviare al contratto la richiesta di transazione, in questo modo una parte del tuo saldo verrà spostata altrove.

Per esempio, se vuoi inviare 100 BinanceAcademyToken a Sara, devi presentare la richiesta all’interno del contratto di BinanceAcademyToken per poter eseguire la transazione.

Questa richiesta, su Ethereum viene visualizzata come una transazione di 0 ETH e nel campo aggiuntivo viene specificato che stai trasferendo dei token sul conto di Sara.

Questo trasferimento non è gratuito, è infatti prevista una commissione che non viene pagata in token ma in ETH.

Quindi, prima di trasferire i tuoi token assicurati di avere anche un saldo ETH, in caso contrario dovrai comprare ETH prima di poter trasferire i tuoi token.

La transazione mostrerà ugualmente l’importo di 0 ETH perché di fatto non si tratta di una spesa ma solamente di una commissione che viene versata in automatico.

La struttura del contratto ERC-20

Ora che abbiamo visto cosa sono i token e come funzionano, ti è sicuramente utile sapere come sono strutturati i contratti che rendono possibile l’utilizzo e il trasferimento dei token.

Il protocollo ERC-20 è uno standard ma spesso non è sufficiente per tutte le funzionalità dei token.

Infatti, la creazione di un contratto ERC-20 su Ethereum non implica che i token creati siano utili o funzionali!

Per questo motivo è possibile modificare il contratto al fine di rendere i token più preziosi, ricorda che non c’è limite alle modifiche purché vengano rispettati gli standard di ERC-20!

Problemi relativi ai token

Purtroppo per un soggetto è molto difficile identificare i migliori token sui quali investire perché ne sono stati distribuiti moltissimi (più di 47.000!) e il loro numero è in costante aumento.

Questo crea non poca confusione e rende difficile la selezione.

Inoltre, non tutti i contratti vengono modificati in modo corretto o rispettando delle tempistiche adeguate, questo può creare delle difficoltà nell’ambito delle transazioni.

Per esempio, se hai necessità di inviare i tuoi token al contratto di una ICO diversa ma quel contratto non ha l’autorizzazione per riceverli, cosa accade?

Succede che i token vengono inviati ma non possono essere ricevuti, quindi andranno persi!

Naturalmente si sta cercando di realizzare protocolli più sicuri, per esempio ERC-223, che hanno l’apposito scopo di evitare questi errori.

Infatti, non si tratta di errori trascurabili: nel 2017 più di 3 milioni di dollari sono stati spediti e non hanno mai raggiunto destinazione!

Token ERC-20: aspetti negativi

Nonostante i token si stiano velocemente espandendo sui mercati, non sono ovviamente esenti da problemi o rischi. Vediamo quali sono i principali aspetti negativi che li riguardano.

Truffe

Presta sempre molta attenzione prima di investire, questa è la regola base.

I token, infatti, sono molto semplici da creare e questo permette a chiunque di lanciare un nuovo tipo di token sul mercato.

Basta rispettare gli standard ERC-20 per poter creare un tipo di token, ma questo non significa che quella tipologia sia utile o vantaggiosa!

Per questo motivo assicurati di fare delle ricerche prima di investire denaro in token e controlla non solo i vantaggi ma anche l’affidabilità e la legittimità.

Scalabilità

Come tutte le piattaforme dedicate alle criptovalute, anche Ethereum presenta un ben noto problema: se decidi di effettuare una transazione in un orario in cui c’è un elevato numero di richieste, dovrai pagare commissioni più alte e potrebbero verificarsi dei ritardi.

Questo perché la piattaforma si congestiona e ovviamente la fruibilità ne risente.

Attualmente si stanno studiando delle versioni successive di Ethereum per risolvere questo problema.

Trading broker consigliato

Sul mercato sono presenti moltissimi broker che ti permettono di effettuare operazioni di trading e spesso, soprattutto se sei alle prime armi, non è semplice scegliere.

I nostri lettori ci confermano che eToro è sicuramente uno dei migliori broker disponibili per quanto riguarda affidabilità e funzionalità.

Dispone di una versione demo per avvicinarsi al mondo del trading e anche di una funzionalità davvero utile: il copytrading!

Questa opzione di permette di seguire i migliori trader professionisti e di copiare le loro azioni, in questo modo hai la possibilità di imparare e di investire senza troppi rischi.

Gianpaolo R.

In questo sito voglio condividere informazioni ed esperienze che possano aiutare il prossimo a capire il mondo della finanza, del trading e degli investimenti. Cerco sempre di condividere informazioni in maniera chiara e, quando possibile, esprimere opinioni su cosa sembra funzionare. Vi auguro una buona lettura.

Ritorna alla homepage