Indicatori che Anticipano il Trend (Inversione del Trend)

Qual è il metodo per comprendere le inversioni di trend?

Per poterlo fare si devono conoscere gli indicatori che evidenziano i trend futuri seguendo i quali si possono trarre maggiori profitti.

Il costo di ciascun asset finanziario segue un cambiamento continuo sul mercato di settore, le variazioni avvengono in tempi che possono essere più o meno lunghi seguendo particolari dinamiche.

È normale, quindi, passare da fasi in cui vi è una linea di condotta precisa (trend) e una che presenta oscillazioni che non hanno una direzione specifica.

Si può anche verificare una terza fase in cui si evidenzia un totale cambiamento di rotta che viene definito appunto inversione del trend.

Nel settore del trading online è fondamentale essere sempre attenti e comprendere il possibile mutamento di tale dato in quanto questo permette di anticipare i tempi impostando un’adeguata strategia di marketing verso il nuovo trend.

Per fare questo vi sono diverse modalità utilizzate dai trader professionisti, vediamo quali sono prima di analizzare gli indicatori che prevedono l’andamento di mercato.

Inversione di trend secondo le trendlines

Un modo rapido e diretto che consente ai traders di scoprire in anticipo i segnali che indicano una futura inversione di mercato è fare attenzione al movimento della trend line.

Quest’ultima rappresenta la linea che unisce i punti che stanno a indicare i dati massimi delle tendenze ribassiste o quelli minimi delle tendenze rialziste.

Nel momento in cui il prezzo risulta superiore alla trend line e si verifica un’inversione di massimi e minimi in successione si è di fronte a ottime possibilità che si stia verificando un’inversione di tendenza.

Per comprendere meglio questo passaggio osserviamo l’esempio di rottura della trend line preso dal sito del broker BDSwiss.

Indicatori e pattern di inversione

Esistono diverse tipologie di pattern d’inversione da prendere in considerazione, si tratta di sequenze di candlestick che sono utili a riconoscere i probabili cambiamenti di direzione del mercato di riferimento.

Ci sono, quindi, pattern grafici che utilizzano le candele o forme geometriche per rappresentare i dati, ad esempio, il triangolo, il testa e spalle o il doppio minimo e massimo.

In alternativa si possono utilizzare i pattern di prezzo ovvero quelli formati da una piccola quantità di candele tra cui i più conosciuti sono l’harami e il morning star.

È molto importante comprendere questi grafici per poterli identificare in modo da poter riconoscere i segnali che avvertono di una possibile inversione in atto o che si verificherà a breve.

Proprio in questi momenti appare un grafico con segnali molto forti ed evidenti che permettono di evitare perdite e aumentare il profitto seguendo il trend.

Indicatori d’inversione trend

I grafici costituiti dalle singole candele sono un ottimo sistema di rilevazione dell’andamento di tendenza, oltre a essere ci sono gli indicatori tecnici molto utili ad anticipare l’inversione di trend.

Si tratta degli indicatori che si suddividono in due categorie ben distinte: leading e lagging.

I leading sono quelli che segnalano il cambiamento di trend prima ancora che questo cominci e solitamente sono quelli oscillatori.

I lagging rappresentano gli indicatori che forniscono un segnale d’inversione trend dopo che questo è già sostituito da uno nuovo, questi segnali vengono definiti trend following.

Seguendo il ragionamento logico, ovviamente, si pensa che gli indicatori del primo tipo sono migliori in quanto anticipano il cambiamento di mercato in modo rapido, ma non è proprio così.

Infatti gli indicatori leading possono sbagliare fornendo dati che poi non si verificheranno e quindi risulteranno falsi e fuorvianti.

Il secondo tipo, invece, ha la capacità di dare dati reali in quanto già presenti seppure indicativi di un inizio di inversione di tendenza, quindi è più affidabile anche se forniti in ritardo.

Per queste motivazioni è sempre meglio conoscere e sfruttare le potenzialità di entrambi i sistemi per avere risultati ottimali e maggiori profitti.

I più famosi tra gli indicatori leading per l’osservazione del percorso di un trend sono:

  • Momentum Oscillator (MTM)
  • Stocastico
  • Relative Strength Index (RSI)
  • MACD (Moving Average Convergence/Divergence)
  • Triple Exponential Average (TRIX)
  • Commodity Channel Index (CCI)
  • Rate of Change (RoC)
  • Smoothed Rate of Change (S-RoC)
  • Relative Vigor Index
  • Williams %R (Wm%R)
  • Money Flow Index (MFI)
  • Bears power e Bulls power (Elder Ray)
  • Acceleration / Deceleration (AC)

Effettuare il trading correttamente applicandolo alle inversioni può aumentare il margine di profitto notevolmente, in quanto si sfrutta la reale tendenza del momento seguendo la domanda che si sta venendo a creare.

Quindi si può avere la precisa idea di dove e come dirigere i propri affari e investimenti cavalcando il trend appena inizia a svilupparsi.

Non è certo una cosa facile da mettere in atto in quanto il trend potrebbe aver subito una modifica temporanea e non una vera e propria inversione, questo significa che potrebbe riprendersi.

Inoltre anche se si tratta di un’inversione completa potrebbe avere una breve durata quindi è tutto da valutare.

Gianpaolo R.

In questo sito voglio condividere informazioni ed esperienze che possano aiutare il prossimo a capire il mondo della finanza, del trading e degli investimenti. Cerco sempre di condividere informazioni in maniera chiara e, quando possibile, esprimere opinioni su cosa sembra funzionare. Vi auguro una buona lettura.

Ritorna alla homepage