Hardware Wallet: Perchè Usare un Portafoglio Hardware Wallet?

UKRAINE, ROVNO – On 24 October: Ledger hardware wallet for cryptocurrency on a black background

Archiviare le criptovalute è un’operazione che ha una notevole importanza, in quanto i malintenzionati sono molto attivi nel mondo delle crypto e utilizzando numerose strategie possono riuscire a svuotare i vostri fondi.

Capite bene che, visto che il pericolo è sempre in agguato, è fondamentale sapere come proteggervi.

A tal fine, esistono diversi metodi che vi consentono di archiviare le vostre criptomonete, e ognuno di questi ha i suoi vantaggi e svantaggi per quanto riguarda la sicurezza e le modalità d’utilizzo.

Il metodo più frequente è l’utilizzazione delle piattaforme, che vi consentono di usare uno wallet online per conservare e proteggere i vostri fondi.

Lo svantaggio di queste, però, è che non sarete in grado di controllare e gestire i fondi e, qualora la piattaforma dovesse subire attacchi dagli hacker e per questo essere messa offline, sarà molto difficile per voi recuperarli.

Molti considerano l’exechange il metodo più sicuro per conservare le proprie criptovalute, altri ancora non ritengono di avere le competenze necessarie per poter provare altri tipi di metodi.

Nel secondo caso, la perplessità riguarda la possibilità della perdita dei fondi a causa di un errore da parte dello stesso utente.

In effetti, questo è davvero l’unico rischio che si corre, però è anche vero che, rispetto alle piattaforme on line, gli hardware wallet sono considerati molto più sicuri dei wallet online.

Cosa si intende per hardware wallet?

Quando si parla di hardware wallet ci si riferisce a dei dispositivi che sono stati progettati per custodire delle personali chiavi di sicurezza.

Non avendo la necessità di collegarsi tramite Internet, sono ritenuti più sicuri in quanto meno attaccabili da parte dei malintenzionati, impossibilitati ad agire su di essi da remoto.

All’interno di questi harware wallet è dedicato uno spazio in cui vengono conservate le chiavi personali, e nessuno può rimuoverlo.

Non avendo accesso ad alcuna connessione Internet, per poterli usare dovete collegarli a un PC o a uno smartphone.

Qualora uno di questi dispositivi dovesse risultare infetto, non ci sarà comunque mai la possibilità di accesso alla chiave privata inserita nello spazio a essa dedicata.

Una volta effettuato il collegamento a Internet, grazie all’utilizzo di software dedicati potrete avere accesso al vostro profilo per controllarne il saldo ed per operare, effettuando delle transazioni.

L’operazione avviene nel seguente modo:

1. Creazione di una transazione.
2. Invio della transazione all’hardware wallet.
3. Conferma dell’importo e dell’indirizzo.
4. Firma della transazione tramite utilizzo della chiave privata inserita nel dispositivo e invio al software.
5. Trasmissione della crypto al network.

Qual è il significato di “chiave privata”?

La chiave privata sarà la vostra password, il passaporto per accedere al sistema che conserva le vostre criptovalute.

Praticamente ha il valore simbolico di una chiave fisica, poiché vi fa accedere con il fine di sbloccare i fondi, permettendovi di spenderli.

Attenzione, però: se qualcuno dovesse riuscire a impossessarsi della chiave privata, potrebbe rubare le vostre monete, per cui dovrete stare bene attenti a nasconderla in un posto sicuro.

La chiave privata ha un codice alfanumerico, ovvero formato da lettere e numeri. Per conservarla, potreste per esempio scriverla su un foglio e poi riporla al sicuro in una cassaforte.

In alternativa, alcuni preferiscono inciderla su qualche superficie nascosta, come ad esempio sul metallo di qualche oggetto presente in casa.

La chiave privata è l’unica che dà accesso al vostro dispositivo, ecco perché è molto appetibile da parte dei malintenzionati, per cui cercate sempre di custodirla prestando la massima attenzione e riservatezza.

Il dispositivo, tuttavia, ha un’ulteriore protezione, che è data da un codice PIN che dovrete conoscere soltanto voi.

Il codice si resetterà dopo un numero limitato di opzioni di inserimento errate.

Quali sono gli svantaggi degli hardware wallet?

Come qualsiasi altro metodo di archiviazione delle crypto, anche gli hardware wallet hanno qualche svantaggio, pur rimanendo quello che dà più sicurezza rispetto agli altri ad oggi conosciuti.

Lo svantaggio principale risiede nella loro scomodità di utilizzo, in quanto non possono accedere direttamente a una connessione Internet per poter essere utilizzati, ma devono obbligatoriamente essere prima collegati a un PC o a uno smartphone per poi avere la possibilità di controllare i fondi o eseguire transazioni.

Inoltre, potreste essere vittime di malintenzionati che tentano di estorcervi la chiave privata per accedere ai fondi o allo stesso dispositivo per manometterlo e, con tecniche proprie degli hacker, riuscire ad ottenere ugualmente la chiave.

Un altro possibile tentativo di impossessarsi dei dati, può avvenire se il malintenzionato riesce ad accedere al dispositivo prima che vi venga consegnato.

In tal modo, una volta nelle vostre mani, potrebbe accedervi per limitare la sua sicurezza e successivamente rubare i vostri fondi.

Ovviamente, queste situazioni possono essere evitate mantenendo un’assoluta riservatezza riguardo alle vostre operazioni nel mondo delle crypto e conservando segretamente sia il dispositivo che la chiave associata.

In tal modo, se i malintenzionati non sono a conoscenza delle vostre operazioni, non potranno mai scegliervi come bersaglio delle loro malefatte.

Detto ciò, è vero che la possibilità che succeda è reale, ma è anche lontanissima.

Ad oggi, per esempio, non c’è stato alcun dispositivo in commercio che abbia subito attacchi da parte di hacker, e tutte le chiavi generate sono state sempre al sicuro.

Non che il rischio non esista, perché qualche tentativo è stato anche fatto.

Ma i produttori di tali dispositivi sono velocissimi a risolvere problemi, nel caso in cui siano presenti delle vulnerabilità, ed è anche per questo che qualsiasi tentativo è stato scongiurato.

Perché è meglio usare un hardware wallet

Essendo continuamente connessi alla rete Internet, i wallet desktop o smartphone hanno una maggiore vulnerabilità agli attacchi da parte degli hacker.

Una delle principali strategie per svuotare i fondi delle crypto, è quella relativa all’utilizzo di malware, che ne rilevano le attività sulle piattaforme, consentendo di ottenere le chiavi di accesso per prosciugare i vostri fondi.

Quando utilizzate un harware wallet, invece, avete la sicurezza di una cassaforte chiusa a chiave e impenetrabile.

L’accesso è riservato solamente a voi, e solo la vostra firma, che avverrà grazie alla crittografia, potrà confermare le operazioni relative alle transazioni.

Nessuno, oltre a voi, può eseguire delle operazioni: è come se foste da soli, chiusi all’interno del vostro caveau, del quale avete aperto la porta tramite l’utilizzo della chiave privata.

Se non utilizzate tutti i fondi a vostra disposizione, potete conservarli in cold storage, che letteralmente significa “celle frigorifere” e infatti rappresenta un modo per “congelarli”.

In questo modo, avete la possibilità di archiviarli in modo totalmente sicuro, e l’operazione è semplice anche per chi ha delle competenze molto limitate.

Per evitare di perdere completamente i dati, nel caso in cui foste soggetti a furto, oppure perdiate o distruggiate il dispositivo, è necessario che facciate un salvataggio di questi in backup.

Sarà il dispositivo stesso, in fase di inizializzazione, a richiedervi una seed phrase, ovvero la scelta di una serie di parole da utilizzare in modo da poter trasferire tutti i dati e recuperare i vostri fondi su un nuovo dispositivo, se ce ne fosse bisogno.

Anche la seed phrase deve essere custodita con cura e in tutta sicurezza, in modo da poter accedere a questa possibilità e per evitare furti di fondi.

Quali sono gli hardware wallet più conosciuti? I seguenti:

Legder Nano S
– Ledger Nano X
– Cobo Vault
– SafePal S1
– Trezor One
– Trezor Model T

Da quanto detto, avrete notato che i vantaggi degli hardware wallet sono maggiori dei loro limiti.

Difficilmente troverete un sistema di archiviazione più sicuro, anche perché in nessun altro metodo avrete la possibilità del cold storage, che vi assicura la custodia dei vostri fondi in autonomia e con un bassissimo rischio di perdita.

Gianpaolo R.

In questo sito voglio condividere informazioni ed esperienze che possano aiutare il prossimo a capire il mondo della finanza, del trading e degli investimenti. Cerco sempre di condividere informazioni in maniera chiara e, quando possibile, esprimere opinioni su cosa sembra funzionare. Vi auguro una buona lettura.

Ritorna alla homepage